Malattia infiammatoria pelvica - Informazioni su sintomi, cause e trattamenti

Ultimo aggiornamento: 9/7/2021

Come donna, se sospetti di avere una malattia infiammatoria pelvica dovresti sempre cercare un trattamento piuttosto che ignorare i sintomi.

In questa guida puoi scoprire di più sulle cause della malattia infiammatoria pelvica, su come cercare i sintomi e sui modi per trattarla.

Letto da Anne Thestrup Meimbresse

Anne, Farmacia di Varde, Danimarca
Anne ha conseguito un Master in Farmacia presso l'University of Southern Denmark e lavora come farmacista presso la farmacia di Varde da diversi anni, consigliando sia i clienti che i medici sull'uso corretto dei prodotti medicali. Qui puoi vedere il profilo di Anne.

Perché hai dolori addominali

La malattia infiammatoria pelvica è l'infiammazione delle mucose dell'utero, delle tube di Falloppio e/o delle ovaie. È un disturbo molto comune che richiede un trattamento.

L'infiammazione addominale avviene se i batteri vaginali penetrano nell'utero e lo infettano. Esistono diversi tipi di batteri che possono causare la malattia infiammatoria pelvica.

I batteri più comuni sono la Chlamydia trachomatis. Conosciuta semplicemente come clamidia, questa è una delle malattie sessualmente trasmissibili più comuni e può colpire sia uomini che donne.

Poiché i batteri che innescano l'infiammazione addominale vengono trasmessi all'utero attraverso la vagina, la causa più comune di malattia infiammatoria pelvica è il sesso. Le infezioni addominali quindi si osservano più comunemente nelle donne sessualmente attive.

Il rischio di malattia infiammatoria pelvica è inoltre più alto nelle donne che hanno avuto un aborto, hanno avuto un dispositivo contraccettivo a spirale impiantato, o hanno subito un intervento chirurgico all'utero. Questo perché quando vengono inseriti nella vagina gli strumenti chirurgici, aumenta il rischio di trasferire i batteri dalla vagina all'utero.

Quando le donne non sessualmente attive sviluppano una malattia infiammatoria pelvica, è di solito causata da batteri intestinali rettali che sono stati trasferiti alla vagina. Questo può accadere se usi la carta igienica dal dietro in avanti dopo essere andata in bagno.


Sindrome da shock tossico

Inoltre, usare lo stesso tampone per lunghi periodi (più di otto ore) può innescare la sindrome da shock tossico, che è causata da un'infezione da streptococco/stafilococco. Questo tipo di infiammazione pelvica è molto raro, ma è anche molto pericoloso e talvolta può essere addirittura essere un pericolo mortale.

È quindi importante non utilizzare mai lo stesso tampone per molte ore alla volta, e agire rapidamente se si sospetta di avere una sindrome da shock tossico.

Australian Bodycare Prodotti per l’igiene intima

3 prodotti per l'igiene intima per prevenire secchezza, odori prurito o altri fastidi intimi

€29,99

Guarda prodotto

Come trattare la malattia infiammatoria pelvica

Alcune infiammazioni e infezioni addominali raramente si trasformano in malattie in piena regola, a meno che non le si lasci ad agire non trattate per un lungo periodo di tempo. In effetti, più a lungo rimandi il trattamento dell'infiammazione addominale, maggiore sarà il rischio di sviluppare una malattia molto peggiore.

Se sospetti di avere una malattia infiammatoria pelvica, è importante che contatti il tuo medico per un esame.


L'infiammazione pelvica dovrebbe sempre essere trattata

Se non cerchi aiuto medico, la tua infiammazione pelvica può forse guarire da sola; tuttavia corri un rischio. Il prezzo da pagare per una malattia infiammatoria pelvica non trattata è dolore cronico e infiammazione pelvica ricorrente. Sarà anche molto più difficile per te concepire, e potresti non essere più in grado di rimanere incinta.

Nella maggior parte dei casi, la malattia infiammatoria pelvica inizialmente infetterà l'utero e talvolta si diffonderà alle tube di Falloppio. Se l'infezione si diffonde fino a coinvolgere le ovaie, diventa però molto più grave.

Il trattamento dipenderà dalla causa specifica della malattia infiammatoria pelvica. Se la causa della malattia è la clamidia, sarai curata per la clamidia. Analogamente, se la causa è un altro tipo di batterio, sarai trattato per quell'infezione batterica.

In ogni caso, il trattamento sarà di solito un trattamento antibiotico in compresse. La terapia di solito dura una o due settimane.

Durante il periodo di cura, ti verrà consigliato di stare molto a riposo e di evitare attività sportive/fisiche in modo da non rischiare che l'infiammazione si diffonda ulteriormente.

Nei casi gravi di malattia infiammatoria pelvica, può essere necessario un intervento chirurgico. Questo in genere accade solo se si sviluppa un tumore tra le tube di Falloppio e le ovaie. In casi rari e particolarmente gravi, potrebbe essere necessario rimuovere le tube di Falloppio e le ovaie.


Come evitare la malattia infiammatoria pelvica

Se hai un'infiammazione addominale, dovrebbe essere curata il prima possibile. Tuttavia, per cominciare ci sono molte cose che puoi fare per ridurre il rischio di sviluppare un'infiammazione pelvica.

Se sei sessualmente attiva, ma con lo stesso partner e in una relazione a lungo termine, svilupperai una naturale resilienza reciproca nei confronti dei batteri genitali. Inoltre, hai anche un rischio ridotto di contrarre una malattia a trasmissione sessuale, essendo in intimità solo con una persona.

Se invece hai più partner e non usi il preservativo, ti esponi a molti nuovi batteri diversi, e il rischio di sviluppare un'infezione aumenta di conseguenza. I profilattici sono quindi la migliore protezione contro le malattie sessualmente trasmissibili e l'infiammazione pelvica.

Durante il sesso, puoi anche utilizzare prodotti che contrastano i batteri. Altrimenti le infezioni batteriche possono causare prurito, irritazione, secchezza e odori sgradevoli.

Intimate Glide di Australian Bodycare è un gel che contiene olio idi Tea Tree, un antibatterico naturale noto per la sua capacità di neutralizzare efficacemente i batteri.


Come si riconosce la malattia infiammatoria pelvica?

L'infiammazione addominale è un disturbo sgradevole. Generalmente ti accorgerai se ce l'hai, perché il dolore e altri sintomi possono essere piuttosto seri.

In casi di infiammazione addominale lieve, tuttavia, può essere difficile valutare se sintomi come dolore e secrezione insolita siano dovuti alle mestruazioni o a qualcosa di più grave, come la malattia infiammatoria pelvica.

Se si verifica febbre insieme agli altri sintomi, è più probabile che tu stia soffrendo di un'infezione piuttosto che dei soliti sintomi delle mestruazioni. In caso di dubbio, dovresti sempre consultare il tuo medico in modo che possa fare una diagnosi. Non dovresti mai lasciare un'infezione non trattata.

In alcune donne i sintomi sono piuttosto lievi (soprattutto all'inizio) e quindi può essere difficile capire se qualcosa non va. Tuttavia, se hai anche il minimo sospetto, dovresti sempre farti controllare.

Nel caso della sindrome da shock tossico, i sintomi tipici sono un improvviso e rapido aumento della temperatura fino a 39-40 gradi, visione offuscata, malessere generale e a volte un'eruzione cutanea.

È una condizione rara, ma potenzialmente fatale. Se sospetti di averla, è molto importante agire immediatamente per ottenere un trattamento efficace.


Quali sono i sintomi della malattia infiammatoria pelvica?

La malattia infiammatoria pelvica non è qualcosa da prendere alla leggera.

Da un lato, per un po' potrebbe essere sgradevole. D'altro canto, alla lunga l'infiammazione pelvica non curata può avere conseguenze importanti. Queste possono essere dolore pelvico cronico, infiammazione pelvica ricorrente, formazione di tessuto cicatriziale sulle ovaie e sulle tube di Falloppio, rischio di gravidanza extrauterina e/o ridotte possibilità di concepimento o persino infertilità.

Pertanto, vale sempre la pena conoscere i sintomi caratteristici dell'infiammazione pelvica:

Sintomi della malattia infiammatoria pelvica

  • Dolore discendente nell'addome/genitali.
  • Cambiamenti nelle perdite vaginali. In genere, ne vedrai una quantità maggiore e con un aspetto e un odore insoliti. Spesso le perdite saranno marroncine o giallastre, viscose e con un odore acre.
  • Febbre e senso di malessere generale, a volte accompagnati da brividi, nausea e vomito.
  • Spotting tra le mestruazioni o dopo il sesso.
  • Mestuazioni più intense o dolorose rispetto al normale.
  • Dolore, irritazione o bruciore durante la minzione.

Infiammazione addominale dopo il parto

Durante il parto è più facile per i batteri penetrare nell'utero. Durante il travaglio, le contrazioni fanno sì che i batteri possono essere spinti con forza nel tessuto attorno all'utero. Se anche i batteri dovessero penetrare nell'utero, non necessariamente ti ammalerai. Tuttavia, in alcuni casi può causare un'infiammazione pelvica.

Anche il parto cesareo comporta un aumento del rischio di infezione pelvica. Durante un taglio cesareo, la cavità cervicale viene aperta attraverso la pelle, facilitando la penetrazione dei batteri.

Il parto mette a dura prova il corpo di una donna. Inoltre, anche nel periodo post partum, ci sono grandi cambiamenti all'interno dell'organismo.

Le prime sei settimane dopo la nascita sono note come periodo postpartum. In questo periodo, il rischio di infiammazione pelvica è molto maggiore rispetto a qualsiasi altra fase della gravidanza.

Le infezioni addominali sono uno dei motivi principali per cui le donne hanno la febbre da parto (postpartum). Oltre ai sintomi della malattia infiammatoria pelvica, i sintomi della febbre da parto possono includere dolore addominale, malessere generale e secrezione maleodorante.

Se si verifica uno o più di questi sintomi, consulta immediatamente un medico per un esame.


Infiammazione addominale dopo un aborto

Durante un aborto, gli strumenti medici vengono inseriti nella vagina e nell'utero. Sebbene ovviamente questi strumenti siano sterili e in buone condizioni igieniche, c'è sempre il rischio che i batteri dalla vagina vengano portati nell'utero.

Nella vagina ci sono talmente tanti microrganismi diversi, che il rischio sarà sempre in agguato.

Se, dopo un aborto, si verificano sintomi come dolore al bacino e alla vagina, malessere generale, febbre, nausea, secrezione densa e puzzolente, dolore durante la minzione o altre forme di disagio addominale, questi possono essere indicatori di infiammazione pelvica.

Se sospetti di avere un'infiammazione addominale è importante che tu contatti il tuo medico, in modo che possa essere diagnosticata e curata.

L'aborto aumenta il rischio di infiammazione pelvica. Affronti rischi analoghi anche quando ti viene impiantato una spirale contraccettiva.

Il rischio è sempre maggiore nei primi tre mesi. Se hai una spirale e manifesti sintomi di infiammazione pelvica, dovresti sempre andare dal tuo medico per un controllo.


Malattia infiammatoria pelvica senza febbre

Le infezioni addominali non vanno necessariamente di pari passo con la febbre, e nella maggior parte dei casi in cui c'è la febbre, sperimenterai comunque prima gli altri sintomi. È sempre importante agire rapidamente quando si verificano cambiamenti nell'area pelvica/genitale, altrimenti si potrebbero rischiare gravi conseguenze, come l'infertilità.

I sintomi dell'infiammazione pelvica possono comprendere dolore, secrezione insolita e a volte sanguinamento. Alcune donne possono anche avere la febbre, ma puoi senz'altro avere un'infiammazione addominale senza essere febbricitante.

Inizialmente, due su tre di questi criteri devono essere soddisfatti prima di poter formulare una diagnosi: febbre (temperatura superiore a 38,5 gradi), tassi di infezione elevati (rilevati mediante analisi del sangue) e osteoporosi (mediante esame ginecologico).

Pertanto, non è necessario che tu abbia la febbre prima che ti venga diagnosticata una malattia infiammatoria pelvica.

Le infezioni pelviche possono anche presentarsi come una malattia con dolore lieve e senza sensazioni di malessere.


Domande frequenti sull'infiammazione pelvica

Come si riconosce l'infiammazione addominale?

I sintomi dell'infiammazione pelvica possono variare da lievi a molto fastidiosi. In ogni caso, è importante che tu ti faccia sempre curare se hai un'infiammazione pelvica. È bene sapere che i sintomi tipici sono dolore addominale, cambiamento del colore delle secrezioni in marroncino o verde giallastro, secrezione viscosa e acre, febbre e sensazione di malessere generalizzato, sanguinamento mestruale prolungato o sanguinamento dopo il sesso, mestruazioni più abbondanti e dolorose, e/o dolore e sensazione di bruciore durante la minzione.


Cos'è la malattia infiammatoria pelvica?

L'infiammazione addominale è l'infiammazione dell'utero, delle tube di Falloppio e/o delle ovaie. L'infiammazione si verifica nelle mucose ed è causata da batteri che penetrano nell'utero attraverso la vagina.


Cosa provoca l'infiammazione pelvica?

L'infiammazione addominale è causata da batteri che entrano nell'utero attraverso la vagina. Il batterio più comune è la clamidia. L'infiammazione pelvica si osserva con maggiore frequenza nelle donne sessualmente attive. Inoltre, c'è un aumento del rischio di infezione pelvica dopo un aborto o un intervento chirurgico uterino e per le donne che hanno avuto un contraccettivo con spirale di rame.


L'infiammazione pelvica è pericolosa?

Un caso comune di infiammazione pelvica acuta che viene trattato rapidamente, di rado sarà pericoloso o avrà strascichi futuri. L'infiammazione pelvica non trattata, di per contro, può essere pericolosa e causare dolore pelvico cronico, tessuto cicatriziale e problemi di concepimento o infertilità.

Australian Bodycare Prodotti per l’igiene intima

3 prodotti per l'igiene intima per prevenire secchezza, odori prurito o altri fastidi intimi

€29,99

Guarda prodotto