Eritema solare – rimedi e prevenzione

Ultimo aggiornamento: 14/12/2022

L'eritema solare è una fastidiosa eruzione cutanea che può manifestarsi nelle persone molto sensibili ai raggi solari. Per queste persone, anche solo una breve permanenza al sole può scatenare l'eritema solare, noto anche come acne di Maiorca, lucite, o dermatite polimorfa solare.

Il modo migliore per evitare la dermatite solare è quello di utilizzare creme solari dall'elevato fattore di protezione (SPF), in quantità abbondanti.

In questo articolo scoprirai come evitare, prevenire e trattare i sintomi dell'eritema solare.

Letto da Anne Thestrup Meimbresse

Anne, Farmacia di Varde, Danimarca
Anne ha conseguito un Master in Farmacia presso l'University of Southern Denmark e lavora come farmacista presso la farmacia di Varde da diversi anni, consigliando sia i clienti che i medici sull'uso corretto dei prodotti medicali. Qui puoi vedere il profilo di Anne.

Come si presenta l'eritema solare?

L'eritema solare si presenta spesso come uno sfogo rosso e pruriginoso, composto da piccoli puntini rossi ed, eventualmente, piccole bollicine di colore chiaro. Questo rash solare appare, di solito, un oaio d'ore dopo l'esposizione al sole, ma può anche comparire fino a 1-2 giorni dopo essersi esposti ai raggi solari.

Vai a: Eritema solare - rimedi

I sintomi, di solito, scompaiono dopo pochi giorni, se non ci espone nuovamente al sole.

L'eritema solare appare più di frequente nei mesi primaverili o all'inizio dell'estate, mesi nei quali la pelle non è ancora abituata ai raggi solari.

Per le persone con un eritema solare lieve, questo migliora molto spesso nel corso dell'estate, man mano che la pelle si abitua al sole. Ma il più delle volte, si ripresenta la primavera successiva. Con l'età, tuttavia, l'eritema solare ha molto meno probabilità di comparire, poiché con il passare degli anni la pelle si indurisce.

L'eritema solare produce prurito

L'eritema solare non è una condizione pericolosa, ma una sorta di reazione allergica ai raggi UV del sole. Ma come l'eritema solare?

Questa condizione si presenta come un'eruzione cutanea rossa e pruriginosa, spesso associata a forte prurito. Ecco perché, nonostante non sia pericolosa, questa condizione è estremamente fastidiosa.

L'intensa sensazione di prurito può essere difficile da gestire e, poiché la pelle è irritata, è davvero una cattiva idea grattarsi. Tuttavia, evitare di grattarsi è difficile quando il prurito è così forte. Puoi provare a rinfrescare e lenire il prurito con una lozione idratante per il corpo o con  gel all'Aloe vera, i quali possono contribuire a calmare e lenire la pelle. In alternativa, puoi farti aiutare in farmacia per trovare una crema per scottature con antistaminici, in grado di smorzare la reazione allergica e di agire come antidolorifico.

Spray per prurito lenitivo e calmante

per lenire la pelle affetta da prurito o irritazione

€12,99

Dermatite polimorfa solare

Conosciuta anche come lucite, è una forma di fotodermatite, che può essere vista anche come una sorta di "allergia al sole".

I sintomi della dermatite polimorfa solare possono essere simili a quelli dell'eritema solare, ma mentre l'eritema solare in genere scompare non appena la pelle si raffredda, la dermatite non segue lo stesso andamento e tende a rimanere.


Eritema solare - Rimedi e consigli

La prima cosa da fare è certamente allontanarsi dai raggi solari.

Il trattamento dell'eritema solare consiste nell'idratare e prendersi cura della pelle.

Quando compare un eritema, è come se si avesse una reazione allergica. Ciò significa che la pelle diventa rossa e calda, forse un po' gonfia, e prude terribilmente. Per questo, è utile applicare qualcosa che rinfreschi, lenisca e allevi il prurito.

A tal proposito, puoi usare un doposole o una normale crema per il corpo. La cosa più importante è mantenere la pelle idratata per evitare che si secchi.

Scegliendo una crema per scottature solari contenente Aloe vera e Tea Tree Oil per trattare le scottature solari, avrai non solo una crema idratante, ma anche un efficace agente antiprurito che lenisce, rinfresca e mantiene la pelle sana.

Nei casi più gravi di scottature solari, potrebbe essere necessaria una crema per scottature solari con antistaminici o una crema cortisonica leggera per il trattamento dell'eritema. Entrambi sono disponibili per l'acquisto come farmaci da banco.

Tuttavia, se vuoi avere la certezza assoluta che il tuo problema sia la da dermatite solare, ti consigliamo di consultare un medico, per sapere di più sul da farsi.

Sebbene le ustioni solari non facciano certamente bene al corpo, puoi consolarti sapendo che, fortunatamente, l'eczema solare non è pericoloso. Le persone affette da eczema solare non corrono, quindi, un rischio maggiore di sviluppare nei maligni o tumori della pelle.

Tuttavia, ciò non rende l'eczema solare meno spiacevole o fastidioso.

Aloe Vera Gel per scottature solari, bruciore prurito

Gel calmante e rinfrescante per pelle irritata, scottature solari, ustioni e piccoli graffi

€9,99

Trattamento dell'eritema solare sul viso

Le persone con un tipo di pelle molto chiara tendono a sviluppare sul viso eruzioni cutanee simile a brufoli in primavera o estate. Per questo motivo, a causa dell'aspetto simile ai brufoli, l'eritema solare viene spesso chiamato acne da sole, acne di Maiorca o brufoli da sole. Questa eruzione cutanea può estendersi anche lungo il collo e sulla parte superiore del torace.

Il miglior modo per curare l'eritema solare sul viso è stando al riparo dai raggi solari. Questo perché l'eritema o i brufoli da sole compaiono proprio in seguito all'esposizione al sole. Una volta che non si è più esposti ai raggi ultravioletti, la malattia della pelle scomparirà da sola.

Se ti è possibile evitare il sole, ti consigliamo di utilizzare una crema solare ad alto fattore di protezione (SPF), in grado di filtrare la maggior parte dei raggi UVA e UVB del sole. Puoi anche indossare un berretto o un cappello a tesa larga per riparare il viso dal sole.

In alcuni casi, è possibile sottoporsi alla fototerapia, con la quale la pelle viene indurita tramite luce ultravioletta ad ogni sessione settimanale, in modo che il viso possa resistere meglio ai raggi solari quando arriva la primavera.

Integratori per rafforzare la pelle

Se ogni anno soffri di dermatite solare, potrebbe essere una buona idea dare un aiuto alla tua pelle dall'interno. Esistono diversi integratori che aiutano a preparare la pelle ai raggi solari, rendendola più resistente all'esposizione. Tuttavia, questo non significa che potrai rinunciare alla protezione solare, ma gli integratori sono solo un'aggiunta per indurire la pelle dall'interno.

Con una combinazione di beta carotene, calcio e olio di cartamo, potrai attenuare le scottature solari prima che queste si manifestino. Dovresti, quindi, iniziare a prendere integratori da sei a nove settimane prima dell'esposizione al sole, mantenendoli per tutto il periodo di esposizione.

Il beta carotene è un precursore della vitamina A, il quale ha proprietà di rinnovamento cellulare e protezione solare. Quando la pelle viene esposta alla luce del sole, l'organismo produce vitamina D. Per alcune persone, però, la vitamina D può avere l'effetto di legare il calcio nel sangue, risultando nella mancanza di calcio nei tessuti cutanei. L'olio di cartamo contiene alti livelli di vitamina E, un antiossidante che protegge le cellule della pelle dagli effetti dannosi del sole.

In caso di dubbi sugli integratori per il rafforzamento della pelle, è sempre consigliabile rivolgersi al proprio medico.

Crema contro l'eritema solare

La crema più importante contro l'eczema solare è, prima di tutto, la protezione solare. Con una crema solare dal fattore di protezione (SPF) sufficientemente alto, potrai tenere lontano il fastidioso eritema. Se hai la pelle molto chiara, è meglio che usi una protezione solare con fattore 50, la quale riesce a bloccatre fino al 98% dei raggi solari. Tuttavia, è importante applicare una quantità sufficiente di crema sulla pelle esposta al sole, idratandola regolarmente.

Se il danno è già fatto e hai già sviluppato un eritema solare, puoi usare una lozione per il corpo contenente Tea Tree Oil, per ridurre prurito e irritazione. È anche possibile acquistare una crema contenente antistaminici o cortisone, i quali inibiscono efficacemente la reazione allergica. Gli antistaminici combattono l'istamina, la sostanza che il corpo rilascia quando si verificano reazioni allergiche come l'eczema solare.


Prodotti consigliati

Spray per prurito lenitivo e calmante

per lenire la pelle affetta da prurito o irritazione

€12,99

Aloe Vera Gel per scottature solari, bruciore prurito

Gel calmante e rinfrescante per pelle irritata, scottature solari, ustioni e piccoli graffi

€9,99

Eritema solare - quanto dura?

L'eritema solare è un segnale del corpo che indica un danneggiamento della pelle. Spesso, sono le aree del corpo dalla pelle più sottile ad essere più a rischio. Le persone con una pelle molto fotosensibile e chiara, inoltre, sono particolarmente a rischio di eritema e scottature solari, se non prestano attenzione.

L'eritema le scottature si verificano spesso con i primi raggi della primavera, quando la pelle non ha ancora costruito un proprio "scudo".

Il tempo necessario perché l'eritema solare scompaia e le alterazioni cutanee che provoca variano notevolmente a seconda della durata e intensità dell'esposizione. In generale, però, l'eritema solare tende a guarire entro 4-5 giorni. 

Per accorgersi di aver sviluppato un eritema solare potrebbero anche volerci del tempo. I sintomi, infatti, possono comparire da 1 a 24 ore dopo l'esposizione al sole. Quando si è al sole, inoltre, è spesso difficile capire se la pelle si è arrossata: solo quando si rientra in casa si riesce a notare l'alterazione cutanea può notare che la pelle è arrossata.


Prevenzione dell'eritema solare

Non esiste una vera e propria cura per l'eritema solare: questo si può solo lenire e alleviarne i sintomi. Ma puoi agire preventivamente per evitare di scottarti.

Di seguito, i nostri 5 consigli per prevenire le scottature solari:

  1. Evita lunghe permanenze al sole. Il modo migliore per prevenire l'eritema solare è evitare di stare troppo tempo al sole. È meglio mantenere l'esposizione solare breve ed esporsi invece di frequente.
  2. Evita di esporti al sole nelle ore più calde della giornata. I raggi solari sono più forti tra le 10.00 e le 16.00.
  3. Abitua la tua pelle al sole lentamente. Se non ti esponi al sole da molto tempo, è importante far abituare la pelle lentamente. Questo vale fin dal primo sole di primavera, ma anche se vai in settimana bianca, per esempio, e la pelle non è stata esposta alla luce solare forte per tutti i mesi invernali.
  4. Proteggi la pelle con indumenti. Fortunatamente, l'eritema si manifesta solo sulla parte della pelle che è stata esposta al sole. Quindi, se indossi abiti sulla maggior parte del corpo, raramente riuscirai a scottarti dove gli abiti ti hanno protetto dal sole. Tuttavia, il semplice fatto di indossare abiti quando si esce al sole non è una garanzia, in quanto gli abiti forniscono solo una protezione parziale dai raggi solari; alcuni dei raggi ultravioletti, infatti, penetrano comunque attraverso gli abiti.
  5. Utilizza una crema solare ad alto fattore di protezione (SPF). Tutti coloro che si espongono al sole devono ricordare di applicare una protezione solare. Per chi soffre di eritema, però, la protezione solare è ancora più cruciale.

Crema solare contro l'eczema solare - ricorda la crema ad alto fattore di protezione solare 

Ogni volta che si esce al sole, è necessario utilizzare una protezione solare ad alto fattore contro l'eczema solare, indipendentemente dalla durata della permanenza al sole.

Molti dimenticano quanto sia potente il sole all'inizio della primavera, quando fuori fa ancora fresco. Ma questo è proprio il momento in cui le persone con tendenza alle scottature sono particolarmente vulnerabili, poiché la loro pelle non è abituata al sole e perché molti dimenticano di applicare la protezione solare le prime volte che escono al sole.

A proteggerti in maniera sufficiente sono le crema solare con un fattore di protezione solare (SPF) elevato e con filtri UVA e UVB. Ricordati, però, di usare uno strato spesso di crema (l'equivalente di una mano piena), di applicarla a intervalli regolari durante la giornata e mezz'ora prima di uscire al sole per consentirle di agire prima dell'esposizione.

Fototerapia

Se soffri di una dermatite solare grave, un trattamento settimanale di fototerapia dal dermatologo, all'inizio della primavera, può essere la soluzione.

Il trattamento di fototerapia espone la pelle alla luce ultravioletta. In questo modo, la pelle si indurisce lentamente e può resistere meglio al sole.

In alcuni casi, il dermatologo potrebbe anche consigliarti delle compresse contro l'eritema solare.


Perché viene l'eritema solare?

Non è del tutto chiaro il motivo per l'eritema solare si manifesta, ma sappiamo che questo è causato da sensibilità elevata della pelle ai raggi UVA e UVB del sole. La luce solare può provocare reazioni nella pelle, producendo un composto chimico che il corpo percepisce come estraneo.

La reazione del corpo è quella di sviluppare una reazione allergica con arrossamento, calore, gonfiore e prurito.

La tolleranza al sole è molto variabile. Alcune persone tollerano il sole meglio di altre. In generale, però, gli individui dalla pelle chiara e dai capelli chiari o rossi sono particolarmente soggetti all'eczema solare.

La pelle chiara non contiene tanto pigmento, ed è proprio il pigmento della pelle che dovrebbe proteggerci dai raggi solari e dagli effetti nocivi dei raggi UV sulla pelle.

Sebbene tu possa tollerare il sole dove vivi, se sei incline alle scottature, ti consigliamo di prestare particolare attenzione all'uso di una protezione solare a fattore elevato e proteggerti bene se hai intenzione andare in vacanza in posti più caldi e soleggiati.


A chi viene l'eritema solare?

Colpisce soprattutto i bambini e le giovani donne di età compresa tra i 10 e i 30 anni e le persone con la pelle chiara sono particolarmente a rischio.

Al contrario, la prima comparsa della dermatite solare è rara negli adulti di mezza età.

Si stima che circa il 15% della popolazione scandinava soffra di scottature solari, proprio perché le scottature colpiscono soprattutto le persone con i capelli chiari o rossi, con una pelle chiara e poco pigmentata.

Alcune famiglie hanno un'incidenza maggiore di scottature solari rispetto ad altre, il che suggerisce che potrebbe essere ereditario.

I bambini possono ammalarsi di eczema, ma fortunatamente non accade molto spesso. Questo è dovuto principalmente al fatto che, fortunatamente, i bambini sono raramente esposti alla luce diretta del sole, e non dovrebbero esserlo.

Soleksem rammer især børn og unge kvinder i alderen 10-30 år, og særligt udsatte er mennesker med lys hud.

Det er derimod sjældent, at soleksem optræder første gang hos voksne midaldrende personer.

Man skønner, at cirka 15 % af den skandinaviske befolkning lider af soleksem – netop fordi soleksem primært rammer lyshårede eller rødhårede mennesker med lyse hudtyper, der ikke indeholder ret meget pigment.

I visse familier optræder soleksem hyppigere end i andre, så det tyder altså på, at soleksem kan være arveligt.

Babyer kan få soleksem, men det sker heldigvis ikke så ofte. Primært fordi babyer heldigvis sjældent opholder sig i direkte sol, hvilket de heller ikke bør gøre.


Eritema solare sul viso

È raro sviluppare scottature solari sul viso. Il motivo è probabilmente da attribuire al fatto che la pelle del viso è quella che viene più esposta al sole, costantemente, durante l'anno. Ciò rende la pelle del viso più resistente al sole rispetto a quella del resto del corpo.

Tuttavia, se ti scotti sul viso, il consiglio migliore è quello di idratarne la pelle. Applica regolarmente un buon doposole o una crema per il viso. I prodotti contenenti Aloe vera e Tea Tree Oil sono particolarmente efficaci perché non solo idratano, ma inoltre rinfrescano, leniscono e rimpolpano la pelle.


Eritema solare sulle braccia

Se le tue braccia sono soggette a eritemi solari e scottature, assicurati per prima cosa di allontanarti dal sole o, almeno, di coprire le braccia.

Poi, idrata e cura la pelle per evitare che si secchi troppo. Puoi farlo tranquillamente con con un doposole o una buona crema corpo nutriente.

Scegli prodotti con Aloe vera o Tea Tree Oil, che hanno un effetto rinfrescante, lenitivo e antiprurito sulla pelle: proprio quello che ci vuole quando la pelle prude, è calda o gonfia.


Eritema solare sulle gambe

Quando fa caldo, spesso camminiamo a piedi nudi, il che significa che le gambe e i piedi sono particolarmente esposti al sole. Se questi sono stati nascosti per tutto l'inverno, il sole improvviso e forte della primavera e dell'estate può risultare duro sulla pelle.

Quindi, tendi a sviluppare eritemi solari, è particolarmente importante che ti ricordi di applicare la crema solare quando sei fuori al sole. In caso di scottature, la cosa migliore da fare è applicare un doposole o una buona crema corpo nutriente.


Eritema solare sulle mani

Le mani sono difficili da tenere coperte quando si è fuori al sole, quindi anche queste sono particolarmente a rischio se si è inclini a scottarsi. Di solito, inoltre, tendiamo a dimenticarci delle mani quando ci cospargiamo di crema solare. Questa dimenticanza, nonostante comune, non è buona idea. Ricordati, quindi, di donare alle tue mani un buono strato di protezione solare, e di riapplicare la crema solare ogni volta che ti lavi le mani.

Se ti ustioni le mani, idratale e curale con un buon doposole, una lozione per il corpo o una crema per le mani ricca e nutriente.


Eritema solare e solarium

Una seduta al solarium è l'equivalente di una calda giornata estiva al sud, ed può risultare dura per la pelle, soprattutto se si ha una pelle chiara e delicata, soggetta a scottature e se si è anche soggetti a eritemi solari. In effetti, si può avere sviluppare un eritema proprio da una visita al solarium.

Se si è soggetti all'eczema solare, è importante che la pelle si abitui gradualmente al sole, e questo non è il caso con una visita al solarium. Inoltre, il solarium aumenta il rischio di sviluppare tumori della pelle, rendendone l'uso una cattiva idea in generale.

Se soffri di eczema solare grave, dovresti prendere in considerazione un trattamento di fototerapia presso un dermatologo. Per il resto, ricordati di goderti il sole, ma prestando attenzione, usando molta protezione solare e coprendo la pelle.

È un'opinione comune, ma errata, che l'abbronzatura fornisca protezione quando ci si espone al sole. Per questo, molte persone fanno uso di solarium prima che l'estate inizi, pensando di fare un favore alla propria pelle.

In realtà, la pelle abbronzata è già una pelle in qualche modo danneggiata. E nel lettino solare si è esposti solo ai raggi UVA, non ai raggi UVB, quindi la pelle non si abitua in ogni caso ai secondi.


FAQ - Domande frequenti sull'eritema solare


Che aspetto ha l'eritema solare 

L'eritema solare si presenta come un'eruzione cutanea rossa e pruriginosa. L'eruzione cutanea è costituita da piccoli brufoletti o, a volte, da piccole vesciche chiare e compare poche ore dopo l'esposizione al sole, ma può anche comparire fino a 1-2 giorni dopo. I sintomi di solito si attenuano dopo qualche giorno se la pelle non viene esposta ulteriormente al sole.


Cos'è l'eritema solare? 

L'eritema solare è una condizione cutanea molto fastidiosa causata dalla sensibilità ai raggi solari. Le persone affette da eritema solare tollerano molto male il sole e questa condizione può essere scatenata anche solo da una breve esposizione al sole. Quando compare l'eritema solare vuol dire che si sta avendo una reazione allergica con arrossamento, prurito e gonfiore. L'eritema colpisce in particolare gli individui dalla pelle chiara e poco pigmentata, con capelli chiari o rossi.


Cos'è l'allergia al sole?

L'allergia al sole è un'altra parola usata per indicare l'eritema solare, una condizione cutanea sgradevole e fastidiosa. Altri termini che si possono incontrare per la stessa condizione sono dermatite polimorfa solare, lucite, brufoli da sole, acne di Maiorca.


Cos'è la dermatite polimorfa solare?

La dermatite polimorfa solare  è un termine medico per indicare l'eritema solare, chiamato anche lucite, acne da sole o brufoli da sole.


Cosa sono i brufoli da sole?

I brufoli da sole sono un altro termine per indicare l'eritema solare. Il termine nasce senza dubbio dal fatto che l'eruzione cutanea associata all'eritema solare può assomigliare a brufoli o acne. Infatti, i sintomi dell'eritema solare sono: arrossamento della pelle, piccole protuberanze ed eventualmente piccole vescicole chiare. Ed è soprattutto in estate (e in primavera) che ci si scotta.


Perchè viene l'eczema solare?

Non si sa con precisione perché alcune persone siano più soggette di altre, ma sappiamo che l'eritema solare è dovuto a una maggiore sensibilità ai raggi UVA e UVB del sole.

La luce solare può provocare reazioni nella pelle, che producono un composto chimico il quale l'organismo percepisce come estraneo. La reazione dell'organismo è, quindi, quella di sviluppare una reazione allergica con arrossamento, calore, gonfiore e prurito.


Cosa si può fare contro l'eritema solare?

Il miglior rimedio contro l'eritema solare è dimunuire l'esposizione al sole, limitandola a brevi periodi e usando sempre molta crema solare con un alto fattore di protezione. Quando si è al sole si può anche coprire la pelle, ad esempio con un cappello o un berretto e con pantaloni e camicie di cotone larghi.


Come si può evitare l'eritema solare?

Se tendi a soffrire di eritema solare, è bene che tu ti esponga al sole il meno possibile, e sempre per periodi brevi. Quando ti esponi al sole, ricordati di usare una buona crema solare con un fattore di protezione (SPF) elevato.  È anche una buona idea coprire la pelle, ad esempio con un cappello o un berretto e indumenti larghi di cotone.

Aloe Vera Gel per scottature solari, bruciore prurito

Gel calmante e rinfrescante per pelle irritata, scottature solari, ustioni e piccoli graffi

€9,99