Scottature solari – Una Guide om varighed, behandling og forebyggelse

Ultimo aggiornamento: 13/12/2022

Quasi tutti abbiamo provato sulla nostra pelle almeno una scottatura solare. D'estate, con la voglia di abbronzarsi e rilassarsi al sole è facile arrivare al punto di ustionare la pelle. 

Tutti, però, sappiamo che le scottature solari non fanno bene alla nostra pelle, per svariati motivi. Dato che le scottature non si risolvono in un attimo e arrecano danni alla pelle, è sempre bene cercare di prevenirle.

Se il danno dovesse già essere stato fatto, è buono sapere come trattare le scottature solari e come queste scompaiono. Puoi ricevere più informazioni a riguardo in questa guida.

Letto da Anne Thestrup Meimbresse

Anne, Farmacia di Varde, Danimarca
Anne ha conseguito un Master in Farmacia presso l'University of Southern Denmark e lavora come farmacista presso la farmacia di Varde da diversi anni, consigliando sia i clienti che i medici sull'uso corretto dei prodotti medicali. Qui puoi vedere il profilo di Anne.

Cosa sono le scottature solari?

Una scottatura solare non è altro che una bruciatura. Una normale scottatura solare viene classificata come un'ustione di primo grado.

Vai direttamente a: Scotatture solari, trattamenti e azioni lenitive

Se continui a rimanere al sole dopo una scottatura solare, la scottatura andrà sicuramente a peggiorare e a peggiorare, arrivando a essere classificata come ustione di secondo grado o, in casi ancora peggiori, a ustione di terzo grado.

Il pigmento della nostra pelle, la melanina, ha una funzione di scudo contro i raggi solari e gli effetti dannosi dei raggi UV sulla pelle. Questo pigmento, però, può proteggere solo da una certa quantità di raggi UV. Se questa quantità viene superata, si verificano scottature solari.

Aloe Vera Gel per scottature solari, bruciore prurito

Gel calmante e rinfrescante per pelle irritata, scottature solari, ustioni e piccoli graffi

€9,99

Le scottature solari sono praticamente infiammazioni solari

Le scottature solari sono infiammazioni che coinvolgono tutti gli strati dell'organo più esteso del corpo, ovvero la pelle. Per questo, le scottature vengono anche chiamate infiammazioni solari. Quando la pelle si brucia, si verifica una condizione di infiammazione della pelle e come per tutti gli altri tipi di infiammazione, i sintomi classici sono prurito, bruciore, calore, arrossamento e gonfiore.

Quasi tutti conosciamo gli spiacevoli sintomi di un infiammazione cutanea: pelle arrossata, con prurito, calda e dolorante. Tutti sintomi che possono comparire dopo troppe ore passate al sole. L'aspetto più subdolo delle scottature solari è che non si vede o si sente nulla finché il danno non è già stato fatto.

Dopo una scottatura più grave, non è raro che si manifestino sintomi come una leggera febbre, brividi e nausea e che la pelle si riempia di vesciche. Qualunque sia il grado di scottatura, dopo qualche giorno noterai molto probabilmente che la tua pelle si sta spellando.

La migliore cura per le scottature solari è la prevenzione, il che significa semplicemente: Evitare l'esposizione prolungata al sole e, se possibile, evitare di esporsi a mezzogiorno, quando il sole è più alto nel cielo.

Naturalmente è difficile evitare il sole del tutto quindi, quando ti avventuri sotto i raggi solari, ricorda sempre di applicare della protezione solare su tutto il corpo e il viso.


Scottature solari, trattamenti e azioni lenitive

La cosa migliore da fare, ovviamente, è evitare di scottarsi, perché una volta scottata la pelle, il danno è già stato fatto. In caso ci si ustioni, è bene sapere quali sono i rimedi per le scottature e cosa si può fare per lenire il disagio.

Purtroppo non esiste una soluzione rapida per le scottature solari, ma queste sono le azioni che puoi fare per prenderti cura della tua pelle e ridurre il disagio:

  • Prima di tutto, ovviamente, evita di esporti ulteriormente al sole.
  • Poi, può fare un bagno lungo e fresco. Evita di usare prodotti sulla pelle, per non irritarla ulteriormente.
  • Successivamente, asciuga delicatamente la pelle tamponandola, senza sfregarla o strofinarla.
  • In seguito, puoi continuare a raffreddare la pelle mettendo panni o asciugamani bagnati sulle zone ustionate.
  • Infine, ricopri la pelle con un buono strato di doposole. I prodotti con Aloe vera o Tea Tree Oil sono noti per il loro effetto lenitivo, rinfrescante e antiprurito - proprio quello che ci vuole quando hai preso un'insolazione. Per questo, ti consigliamo di scegliere un doposole con Aloe vera o Tea Tree Oil. Oltre all'effetto lenitivo, le creme contenenti Aloe vera e Tea Tree Oil hanno un effetto idratante, curativo e riparatore sulla pelle. Ed è note che, quando la pelle è stata ustionata dal sole, è importante idratarla per evitare che si secchi.
  • Nei giorni successivi alla scottatura, puoi continuare a usare un doposole o supplementare con una buona lozione idratante per il corpo e una crema per il viso per mantenere la pelle idratata. Puoi anche utilizzare creme e lozioni contenenti Aloe vera gel e Tea Tree Oil i quali, non solo idratano, ma rinfrescano e leniscono, curando e ripristinando la salute della pelle.

    Aloe Vera Gel per scottature solari, bruciore prurito

    Gel calmante e rinfrescante per pelle irritata, scottature solari, ustioni e piccoli graffi

    €9,99

    Come evitare la scottature solari?

    La facilità con cui ci si scotta varia molto da persona a persona ma, in generale, le persone dalla pelle chiara tollerano il sole molto meno, e non hanno bisogno di molto tempo sotto il sole prima di sviluppare scottature. A scottarsi facilmente sono anche i neonati e i bambini piccoli.

    Un ruolo importante nella comparsa di scottature proviene anche dal periodo dell'anno, l'ora del giorno e la posizione geografica. L'intensità dei raggi UV è più intensa in estate e quanto più ci si avvicina all'equatore. In generale, i raggi solari sono più forti a metà giornata, tra le 10.00 e le 16.00.

    Per questo viene sempre consigliato di non prendere il sole nelle ore centrali della giornata. Ricordati, infatti, che la tua permanenza al sole deve essere limitata prima di rischiare danni.

    La pelle trae beneficio da un adattamento graduale al sole. Cerca di tenere a mente questa nozione, evitando di prendete troppo sole nei primi giorni e incrementando gradualmente.

    Ricorda anche che un'esposizione breve e frequente è molto meglio di un'esposizione prolungata.

    Ricorda sempre la crema solare

    Indipendentemente dal luogo, dalla durata e dal momento in cui ci si espone al sole, è sempre bene utilizzare una protezione solare, per proteggere la pelle dai raggi solari, in particolare dai dannosi raggi UV.

    Scegli una crema solare che ti offra un'elevata protezione contro i raggi UVA e UVB. La crema solare prescelta dovrebbe sempre avere un fattore di protezione solare (SPF, acronimo dell'inglese Sun Protection Factor) elevato, soprattutto se hai la pelle chiara e vai in vacanza al sud.

    Neonati e bambini vanno sempre protetti con una crema solare ad alto fattore SPF. In generale, però, i neonati non dovrebbero assolutamente essere esposti al sole e i bambini più piccoli ma anche in età più avanzata, dovrebbero evitare di essere lasciati al sole troppo a lungo.

    Inoltre, si può integrare la protezione con indumenti larghi e comodi da indossare, ma è bene tenere presente che l'abbigliamento fornisce solo una protezione parziale. I raggi UV, infatti, possono penetrare attraverso gli indumenti.

    È importante ricordarsi di iniziare ad applicare la protezione solare non appena i primi raggi di sole più forti compaiono di primavera. Questo è il momento in cui molte persone si scottano di più, poiché "dimenticano" quanto sia forte il sole.

    Molte persone, poi, si ricordano di applicare la protezione solare, ma ne usano troppo poca, ottenendo un effetto parziale. Utilizzatene almeno una mano piena e riapplicala almeno ogni tre ore, ma anche più se entri in acqua di tanto in tanto.

    In breve, quando vuoi goderti il sole, ricordati di: indossare gli occhiali da sole per proteggere gli occhi, indossare un cappello o un berretto per proteggere la testa, usare molta crema solare e, possibilmente, abiti leggeri per proteggere la pelle.

    Ricordati anche di bere molta acqua quando ti esponi al sole, per reintegrare i liquidi che perdi per via del caldo.


    Quanto dura la scottatura solare?

    In genere, una scottatura acuta dura alcuni giorni, le cui prime 24 ore sono le peggiori e più dolorose. In seguito, la situazione dovrebbe migliorare e i sintomi scomparire gradualmente. Circa 3-8 giorni dopo la scottatura, la pelle inizia a spellarsi.

    Per i casi lievi di scottature solari, di solito, non è necessario rivolgersi a un medico. Un bagno fresco e una crema rinfrescante e idratante, o un doposole,  dovrebbero essere sufficienti.

    Tuttavia, se si manifestano sintomi quali vertigini, nausea, febbre, brividi, sudorazione fredda, battito accelerato, dolore agli occhi e/o dolore intenso, è necessario consultare un medico.


    Prurito da scottatura solare

    Quando la pelle è ustionata a causa del sole, la maggior parte delle persone avverte prurito, bruciore e disagio. Il prurito è un sintomo molto tipico degli stati infiammatori, e le scottature solari sono proprio stati infiammatori della pelle.

    Il modo più efficace per trattare il prurito è applicare molta crema sulla pelle, per evitare che diventi secca e si irriti ulteriormente. Utilizzando una crema contenente Tea Tree Oil o Aloe vera, non apporterai solo idratazione, ma anche altri benefici. Infatti, queste due sostanze naturali sono noti anche per il loro effetto antiprurito, lenitivo e rinfrescante.


    Scottatura solare sul viso

    La pelle del viso è più sottile rispetto a quella del corpo e, quindi, si ustiona anche più facilmente. Tuttavia, esistono anche altri punti del corpo in cui la pelle è molto sottile. Si tratta, nello specifico, della clavicola, delle spalle e della parte superiore dei piedi. La pelle su queste parti del corpo, quindi, va trattata come tratteresti quella del viso.

    Per il viso è bene utilizzare una crema solare con un fattore di protezione solare (SPF) molto alto. È possibile acquistare creme solari specifiche per il viso.

    Se il danno è già fatto e hai ustionato il viso esponendo la pelle al sole troppo a lungo, è importante raffreddare la pelle e idratarla con un buon doposole o una crema nutriente.


    Scotattura solare sulle labbra

    La pelle delle labbra è sottile e delicata, quindi è importante ricordarsi di proteggerle bene quando si è al sole. Una normale protezione solare non è la soluzione migliore per le labbra. Utilizza, invece, un buon balsamo per labbra con un fattore SPF elevato e riapplicalo regolarmente per proteggerti dai raggi solari.

    Un balsamo per labbra contenente Aloe vera o Tea Tree Oil non solo ti proteggerà dal sole, ma curerà, nutrirà e rinfrescherà le tue labbra.

    Alcune persone tendono a sviluppare focolai di herpes (herpes labiale) sulle labbra se queste si scottano. Questo non è altro che un motivo in più per prevenire i danni del sole.


    Scottatura solare sulla cute

    Il cuoio capelluto è molto vulnerabile ai danni prodotti dai raggi solari. Naturalmente, questo si applica specialmente alle persone calve o dai capelli sottili. È importante ricordarsi di applicare la crema solare anche sul cuoio capelluto e proteggere la testa con un cappello o un berretto.

    Anche se hai molti capelli in testa, il cuoio capelluto può risultare molto vulnerabile. Poiché è difficile applicare la crema solare sul cuoio capelluto, è importante ricordarsi sempre di indossare un cappello o un berretto quando si è al sole.

    Se il danno è già comparso e il tuo cuoio capelluto ha già sviluppato una scottatura solare, il trattamento è lo stesso che per il resto del corpo: rinfresca la pelle, per poi applicare un doposole nutriente, lenitivo e rinfrescante sul cuoio capelluto. Questo renderà sicuramente grassi i tuoi capelli ma potrebbe essere necessario per salvaguardare la salute della tua cute!


    Scottature solari e cancro

    Naturalmente, quando si parla di evitare scottature solari, non lo si fa solo perché essere scottati dal sole è estremamente fastidioso. Infatti, oltre al fastidio, la pelle viene danneggiata ogni volta che si brucia. E sebbene sia possibile alleviare il dolore e il fastidio delle ustioni solari tramite l'uso di creme e altro, non è possibile eliminare il danno che è stato arrecato alla pelle.

    Non è mai abbastanza dire quanto sia importante evitare le scottature solari.

    Nel peggiore dei casi, i danni alla pelle possono portare alla formazione di un melanoma cutaneo, un neo maligno o cancro della pelle. In oltre, le ustioni ricevute da bambini aumentano il rischio di sviluppare un cancro della pelle.

    In generale, è importante evitare le scottature durante i primi 20 anni di vita. È, quindi, particolarmente importante proteggere i bambini dalle scottature solari. Infatti, la pelle viene già danneggiata, anche con una normale scottatura solare. Quindi non sono solo le vere e proprie ustioni a essere dannose.


    Aiuto per le scottature solari

    Una scottatura solare non è né salutare né piacevole. Se dovesse succedere, però, è bene sapere che esistono rimedi per le scottature solari che possono alleviare dolore e fastidio.

    Quando la pelle è stata bruciata dal sole, può essere utile rinfrescarla, perché una scottatura solare è come qualsiasi altra ustione. È importante, poi, idratare la pelle per evitare che si secchi.

    Ad esempio, utilizzando una crema o un doposole contenente Aloe vera gel e Tea Tree Oil, non solo otterrai un'idratazione abbondante, ma avrai anche una crema che rinfresca, lenisce e allevia il prurito, che sono alcuni dei sintomi sgradevoli e dolorosi associati alle scottature solari.

    Aloe Vera Gel per scottature solari, bruciore prurito

    Gel calmante e rinfrescante per pelle irritata, scottature solari, ustioni e piccoli graffi

    €9,99

    FAQ - Domande frequenti sulle scottature solari


    Cosa aiuta contro le scottature solari?

    Il consiglio più importante contro le scottature solari è quello di godersi il sole con moderazione. Ciò significa: brevi soggiorni al sole, protezione solare in abbondanza, abbigliamento leggero, cappello o berretto per la testa e occhiali da sole per gli occhi. Ma se il danno è già stato fatto, la cosa migliore da fare è rinfrescare la pelle e poi apportare molta idratazione per evitare che si secchi. Scegli un doposole che rinfreschi, lenisca e allevi il prurito. Ad esempio, prodotti contenenti Aloe vera e Tea Tree Oil sono in grado di svolgere questa funzione.


    Come si rimuovono le scottature solari?

    Non è possibile eliminare una scottatura solare in un attimo. La pelle, infatti, ha bisogno di tempo per riprendersi. Fino alla scomparsa dei sintomi, però, puoi alleviare il dolore e il fastidio facendo bagni rinfrescanti e idratando la pelle con un buon doposole nutriente che rinfreschi, lenisca e allevi il prurito.


    Quanto dura una scottatura solare?

    Quando si sviluppa una scottatura solare, il primo giorno è sempre il peggiore e il più sgradevole. In seguito, la situazione migliorerà lentamente e, in genere, ci vorranno alcuni giorni prima di liberarsi completamente dal dolore e dal fastidio. Circa 3-8 giorni dopo la scottatura, la pelle inizia a spellarsi.

    Aloe Vera Gel per scottature solari, bruciore prurito

    Gel calmante e rinfrescante per pelle irritata, scottature solari, ustioni e piccoli graffi

    €9,99