Sintomi della menopausa, quanto dura e a che età viene il climaterio?

Ultimo aggiornamento: 6/12/2022

La menopausa può essere per molti, uomini e donne, un ingresso improvviso in un periodo di vita completamente nuovo. Ecco perché vale la pena sapere con cosa si ha a che fare.

Quando si entra effettivamente nel climaterio, quali sono i sintomi della menopausa e quanto dura?

È una domanda che molti si pongono. Tutto questo e molto altro ancora trova risposta in questo articolo, che offre una panoramica su tutti gli aspetti della menopausa, dalle soluzioni per risolvere la secchezza delle mucose ai sintomi da tenere d'occhio.

Letto da Anne Thestrup Meimbresse

Anne, Farmacia di Varde, Danimarca
Anne ha conseguito un Master in Farmacia presso l'University of Southern Denmark e lavora come farmacista presso la farmacia di Varde da diversi anni, consigliando sia i clienti che i medici sull'uso corretto dei prodotti medicali. Qui puoi vedere il profilo di Anne.

Cos'è la menopausa?

Menopausa è una parola che si usa per descrivere un periodo in cui il corpo subisce importanti cambiamenti ormonali. Per entrambe i sessi, infatti, durante questo periodo si presenta un calo significativo dei livelli ormonali.

Per le donne, durante il periodo della menopausa - anche chiamata climaterio - la produzione dell'ormone sessuale femminile chiamato estrogeno si riduce. Gli uomini, invece, durante la menopausa maschile - anche chiamata andropausa - producono gradualmente meno ormone sessuale maschile, il testosterone.

Video: Cura dell'igiene intima per donne in menopausa

3 prodotti contro il fastidio intimo

Cura dell'igiene intima per prevenire secchezza, cattivo odore, prurito o altri fastidi intimi

€29,99

Menopausa per le donne

La menopausa viene anche definita con il nome di climaterio. Durante il periodo della menopausa femminile, la fertilità diminuisce poiché le ovaie della donna diventano sempre meno ricettive agli ormoni che controllano la maturazione degli ovuli. Le uova iniziano gradualmente a subire un declino e la funzione dell'ovulazione cambia.

Quando si attraversa la menopausa, ad essere compiti maggiormente sono gli ormoni chiamati progesterone ed estrogeni. Il progesterone prepara l'utero a ricevere un uovo fecondato ed è l'ormone che scompare per primo. Successivamente, gli estrogeni subiscono un calo importante quando inizia la menopausa.

Durante il climaterio, il sanguinamento mestruale diminuisce e iniziano ad esserci periodi più lunghi tra un sanguinamento e l'altro, fino a interromersi del tutto. La donna viene considerata in menopausa se sono trascorsi 12 mesi dall'ultima mestruazione. Quindi, menopausa e mestruazioni sono indissolubilmente legate.

Molte donne sperimentano un ciclo mestruale irregolare all'inizio della loro menopausa. Fino alla cessazione totale delle mestruazioni, potrebbero presentarsi spotting, così come mestruazioni più frequenti e altri disturbi emorragici.

VAI A: Sintomi e segni della menopausa per le donne



Andropausa

Anche gli uomini entrano in menopausa, sebbene ci siano più disturbi associati alla menopausa per le donne, rispetto agli uomini. Molti uomini, infatti, non si rendono nemmeno conto di star attraversando l'andropausa, perché nel loro caso non avviene un cambiamento improvviso allo stesso modo delle donne.

La menopausa maschile si presenta con un ridotto funzionamento dei testicoli. Ciò significa che questi iniziano a produrre gradualmente meno testosterone. Tuttavia, la produzione di testosterone non cessa nello stesso modo brusco in cui la produzione di estrogeni diminuisce nelle donne. Gli uomini, al contrario, sperimentano una diminuzione graduale.

VAI A: Sintomi dell'andropausa


Quanto dura la menopausa?

Una cosa è certa: la menopausa prima o poi arriverà per tutti. Ciò che è incerto, tuttavia, è quanto durerà questo periodo.

La durata del climaterio, infatti, varia da persona a persona. Mentre alcune persone sono in menopausa per un paio d'anni, per altre il periodo può estendersi a cinque anni. Per altre altre ancora, la menopausa può durare anche oltre 10 anni.

In sintesi, non esiste una risposta definitiva alla durata della menopausa, in quanto questa è del tutto individuale.


Quando inizia la menopausa, e quando finisce?

La menopausa inizia in genere tra i 45 e i 55 anni. In media, le donne vanno in menopausa a 52 anni. Tuttavia, questo non significa che il climaterio non possa iniziare prima prima o dopo.

Per alcune persone, il periodo di transizione verso la menopausa può iniziare già alla fine dei 20 anni. Altre persone, invece, vanno in menopausa solo intorno ai 60 anni.

L'inizio della menopausa varia notevolmente, ma in molti casi si verificherà tra i 45 e i 55 anni. La fine della menopausa dipende anche da quando questa è iniziata. Tuttavia, non c'è una risposta definitiva a quando questo processo verrà ultimato. 

Semplicemente, non esiste un'unica risposta a quando finirà la tua menopausa.


Come si riconosce la menopausa? Sintomi della menopausa nelle donne

Un segnale comune a uomini e donne in menopausa è che questo periodo può essere associato a cambiamenti sia psicologici che fisici. Mentre alcune persone sono molto afflitte da questi cambiamenti, altre notano a malapena il calo dei livelli ormonali.

Ma come si fa a sapere se si è in menopausa? Il corpo ci invia segnali diversi nel periodo del climaterio. Vampate di calore, mucose secche, mal di testa e seni doloranti a sono solo alcuni dei segnali del corpo durante la menopausa.

Nella prossima sezione ti illustreremo una panoramica dei segnali più frequenti in menopausa.

Vampate di calore

Uno dei sintomi più frequenti della menopausa sono le vampate di calore. Un calore improvviso si diffonde sul viso e verso la parte superiore del corpo. Per alcune donne, le vampate di calore possono anche essere accompagnate da palpitazioni cardiache.

Le vampate di calore si verificano poiché gli ormoni nel corpo diminuiscono, in comcomitanza con un cambiamento nel centro di controllo per le variazioni della della temperatura corporea situato nel cervello. Questa parte del cervello è chiamata ipotalamo e attiva le ghiandole sudoripare in misura maggiore quando si è in menopausa.

Le vampate di calore possono essere imbarazzanti, dato che si viene sopraffatti da un calore enorme che fa arrossare il viso e ti porta a volerti liberare di giacche o maglioni.

Ma quanto durano le vampate di calore durante la menopausa? Le fastidiosissime vampate di calore continuano spesso per altri tre o quattro anni dopo che il ciclo si è completamente interrotto.

Disturbi del sonno 

Anche la stanchezza va spesso di pari passo con la menopausa. Un altro fastidio molto spiacevole durante la menopausa, infatti, sono i disturbi del sonno. Ci si sveglia più spesso e più facilmente, e si dorme meno pesantemente. Ciò può renderti stanco e irritabile nella vita di tutti i giorni, dove la mancanza di sonno può tradursi in una minore energia.

I disturbi del sonno possono verificarsi a causa delle vampate di calore, per le quali si suda molto e improvvisamente, il che può rendere difficile dormire bene la notte.

Vertigini e mal di testa

Le vertigini sono un altro sintomo che molte donne sperimentano durante la menopausa. Il cervello, infatti, riceve continuamente segnali chimici e quando i livelli ormonali fluttuano, questi segnali ne risentono.

Allo stesso tempo, la menopausa è associata ad un aumento del livello di insulina e cortisolo. Tutto ciò influisce sulla pressione sanguigna, il che può provocare vertigini e causare mal di testa.

Aumento di peso

Se improvvisamente inizi a ingrassare senza mangiare in modo significativamente diverso dal solito, questo potrebbe essere un segno della menopausa in corso. Molte persone notano, infatti, un aumento di peso durante il climaterio.

La causa dell'aumento di peso è da trovarsi, di nuovo, nei cambiamenti ormonali che il tuo corpo attraversa.

Quando l'ormone chiamato progesterone diminuisce prima degli estrogeni, molte donne rimangono con una quantità eccessiva di estradiolo in corpo, rispetto agli ormoni rimanenti. L'estradiolo è una forma "pericolosa" di estrogeno perché induce il tuo corpo ad accumulate grasso, proprio nella zona della pancia. Le cellule adipose, poi, producono estradiolo, il che porta a ingrassare ancora di più.

Pertanto, è difficile per molte donne liberarsi del grasso una volta entrate in questo circolo vizioso.

LEGGI ANCHE: Come dimagrire con l'Aloe vera

Secchezza delle mucose 

Le mucose secche di naso, occhi o della vagina sono un sintomo frequente della menopausa. Tra le altre cose, questo può rendere difficile indossare le lenti a contatto o trasformare il sesso in un'esperienza dolorosa. La secchezza vaginale, in particolare, sono un problema frequente.

La produzione di estrogeni nelle ovaie produce secrezioni, rendendo umida la mucosa e la vagina. Però, quando la produzione di estrogeni diminuisce in modo significativo, anche che le mucose della vagina si seccano e diventano più sottili e vulnerabili.

Ciò può recare fastidio nelle attività di vita quotidiane, ma soprattutto in relazione ai rapporti sessuali, dove la secchezza vaginale è accompagnata da dolore.

LEGGI ANCHE: Combatti la secchezza vaginale

3 prodotti contro il fastidio intimo

Cura dell'igiene intima per prevenire secchezza, cattivo odore, prurito o altri fastidi intimi

€29,99

Perdita capelli

La caduta dei capelli è un problema molto fastidioso per le donne in menopausa. Fino a una donna su tre ne soffre durante il climaterio.

I capelli cominciano ad assottigliarsi sulla parte superiore e ai lati della testa, mentre l'attaccatura dei capelli anteriore rimane in genere intatta, a differenza degli uomini.

La caduta dei capelli nelle donne può essere dovuta all'improvviso squilibrio dei livelli ormonali.

[hair-loss-kit]

Dolori muscolari e articolari

Trovi che le tue articolazioni e muscoli siano diventati più doloranti ogni qual volta ti muovi? Il dolore alle articolazioni è un segno della menopausa, perché gli ormoni funzionano da lubrificante per muscoli e articolazioni.

Quando la produzione di ormoni diminuisce, né le articolazioni né i muscoli ricevono la stessa quantità di lubrificante negli ingranaggi, rendendo più difficile muoversi come prima.


Segnali e sintomi dell'andropausa

Sebbene molti uomini non avvertano i sintomi derivanti della perdita di testosterone durante l'andropausa nello stesso modo delle donne quando perdono estrogeni, esistono comunque alcuni sintomi e segnali che rappresentano l'andropausa.

Vampate di calore uomo

Come per le donne, anche gli uomini possono sperimentare vampate di calore come sintomo della menopausa maschile. Le vampate di calore possono essere seguite da palpitazioni cardiache e possono anche essere la causa di una cattiva qualità del sonno o disturbi del sonno.

Cambiamenti di umore

L'ormone sessuale maschile, il testosterone, ha un effetto decisivo sull'umore, aiutandolo a regolarlo. Quando questo ormone diminuisce, l'umore può, quindi,  modificarsi rapidamente. Nei casi peggiori, l'effetto della mancanza di testosterone può portare a depressione o malessere e tristezza generale.

Quando il livello di testosterone nel sangue scende, gli uomini possono anche diventare più irritabili del solito. E, quindi, l'andropausa può apportare un cambiamento sia fisico che mentale.

Calo del desiderio sessuale

Un altro segno dell'andropausa può essere il calo del desiderio sessuale. Quando l'ormone sessuale maschile diminuisce, molti uomini perdono il loro 'desiderio'. Pertanto, i livelli di testosterone svolgono un ruolo fondamentale nel desiderio sessuale degli uomini.

Letargia e stanchezza

Hai sempre meno energia anche per le azioni ordinarie della vita quotidiana? Questo potrebbe essere un altro dei sintomi dell'andropausa. Oltre al fatto che il minor livello di testosterone è una causa importante del basso livello di energia, anche una ridotta qualità del sonno gioca un ruolo nell'aumento dell'affaticamento.

Aumento del grasso sulla pancia

Il grasso intorno allo stomaco può, in molti casi, segnalare un calo nel livello dell'ormone sessuale maschile. Pertanto, anche gli uomini possono assumere una diversa forma fisica quando entrano in menopausa. Infatti, in genere il grasso si attacca ostinatamente intorno allo stomaco. Inoltre, la maggior ritenzione di fluidi è uno degli altri sintomi associati all'andropausa.


Menopausa in fumatori o pazienti asmatici

Un nuovo studio europeo, che utilizza dati dall'Istituto di Sanità Pubblica dell'Università di Aarhus, afferma che i polmoni si indeboliscono più velocemente dopo la menopausa e in modo così significativo che equivale a fumare 20 sigarette al giorno per 10 anni.

Pertanto, la menopausa può mettere a dura prova i polmoni di fumatori, pazienti con BPCO o persone asmatiche, poiché la loro capacità polmonare è già indebolita. È una buona, quindi, stare lontani dal fumo sia attivo che passivo o da altre forme di particelle inquinate dall'aria.


Si può restare incinte in menopausa?

Durante la menopausa, la produzione di ovuli nella donna diminuisce e l'ovulazione diventa più irregolare. Questo, quindi, significa anche che rimanere incinta diventa sempre più difficile. In realtà, puoi ancora rimanere incinta anche se sei in menopausa.

Tuttavia le probabilità di una gravidanza calano drasticamente, proprio perché ci sono meno uova che possono essere fecondate.

Fino alla menopausa, quando le mestruazioni si fermano completamente, c'è ancora una certa produzione di uova. Però, quando le mestruazioni si fermano definitivamente, vuol dire che non ci sono più ovociti nelle ovaie e, quindi, non si ha più la possibilità di rimanere incinte.


Come trattare i disturbi della menopausa

Circa un terzo delle donne in menopausa manifesta sintomi così gravi da influenzare in modo significativo la loro vita quotidiana. Molte di loro soffrono in silenzio, ma non ce n'è bisogno. Infatti, è possibile intraprendere diverse azione per rendere migliore la propria vita durante la menopausa. Leggi di più sui diversi trattamenti a disposizione per i sintomi più comuni della menopausa, qui di seguito.

Tratta le vampate di calore durante la menopausa

Fino al 75% delle donne sperimenta vampate di calore durante la menopausa. Alcune in modo più pesante di altre. Le vampate di calore, però, possono essere trattate in diversi modi. Quindi, è necessario sempre consultare il proprio medico in merito alle opzioni di trattamento.

Un modo per trattare le vampate di calore è la terapia ormonale sostitutiva, che spesso viene suggerita dal medico. In genere, per questa terapia, il medico prescrive estrogeni in forma di pillola.

Molte donne vogliono evitare di introdurre ormoni nel proprio corpo, perché in alcuni casi ciò può avere effetti collaterali. Se sei tra queste, esistono altre alternative che possono aiutarti ad affrontare le fastidiose vampate di calore.

Il trifoglio rosso può essere un valido aiuto durante la menopausa. Il trifoglio rosso è una piccola pianta erbacea dal fiore rosa e può alleviare efficacemente le vampate di calore. Non si tratta della pianta in sé che ha queste proprietà, ma di un estratto fermentato della pianta, che dovrebbe avere un effetto positivo sui sintomi, quando lo si beve.

È possibile acquistare l'estratto di trifoglio rosso nella maggior parte dei negozi di alimenti naturali sotto forma di succo, da mescolare con succhi di frutta o altro.

Rimedia alla secchezza delle mucose in menopausa

La secchezza delle mucose, soprattutto della vagina, può essere così fastidiosa durante la menopausa da ridurre seriamente il benessere e la qualità della vita.

Se soffri di secchezza vaginale non lasciar correre, perché ci sono azioni e prodotti che possono aiutarti.

Rivolgiti al tuo medico e scopri come ottenere il giusto trattamento. Come nel caso delle vampate di calore, la terapia ormonale è una buona soluzione, ma nel caso della secchezza vaginale il medico la tratterà localmente con ormoni, per ripristinare una parte della produzione di estrogeni e quindi l'idratazione della vagina.

È sempre bene consultare il medico, ma si possono prendere anche diverse azioni autonome per alleviare la secchezza vaginale, se non si desidera un trattamento ormonale.

Australian Bodycare ha sviluppato prodotti naturali che si concentrano specificamente sull contrastare la secchezza dell'area genitale. Femigel e Femi Daily si completano a vicenda nella lotta contro la secchezza vaginale, il prurito intimo e l'irritazione.

Femigel

Femigel è un rimedio per chi ha già un disagio intimo provocato da irritazione, secchezza e prurito vaginale. Femigel è un gel naturale che si prende cura della pelle delicata della zona intima. In uno studio clinico, il gel ha dimostrato che ben il 94% delle donne partecipanti si è liberato di irritazioni e secchezza genitale.

Le sue proprietà benefiche sono dovute principalmente all'elevato contenuto di Tea Tree Oil, che ha un effetto rinfrescante, lenitivo e calmante unico sulla pelle irritata. Allo stesso tempo, il gel combatte efficacemente i batteri e preserva la flora batterica naturale.

Femi Daily

Femi Daily supporta Femigel agendo preventivamente su secchezza, prurito e irritazione. Femigel è, quindi, una sorta di primo soccorso per un problema di secchezza preesistente, mentre Femi Daily è il suo supplemento quotidiano. Come Femigel, Femi Daily contrasta i batteri e mantiene il naturale livello di idratazione della pelle, evitando che si secchi, provocando disagio. Entrambi i gel sono dermatologicamente testati e a pH regolato. Quindi, possono essere utilizzati in modo sicuro anche su pelli sensibili.

Grazie alla loro consistenza leggera, i gel si assorbono rapidamente, senza appiccicare. In caso di forte disagio, utilizza Femigel due volte al giorno applicandolo in modo delicato intorno all'apertura vaginale. Per i casi più lievi è sufficiente lubrificare con il gel una volta ogni tre giorni. Applica, invece, Femi Daily quotidianamente intorno all'apertura vaginale, per aiutarla a ripristinare il giusto equilibrio di idratazione.

3 prodotti contro il fastidio intimo

Cura dell'igiene intima per prevenire secchezza, cattivo odore, prurito o altri fastidi intimi

€29,99

Ritrova energia e umore con il giusto stile di vita

Sia gli uomini che le donne soffrono di una riduzione dell'umore e dell'energia durante la menopausa. In realtà, si può fare molto per aumentare l'energia e l'umore. Ti siedi spesso durante la giornata e consumi un po' troppo vino o carne rossa? Se la risposta è sì, dovresti riesaminare il vostro stile di vita.

Tra tutti gli altri benefici che ha, una dieta corretta può ridurre in modo significativo i sintomi della menopausa.

Prova a mangiare molti carboidrati sani. Ciò significa sostituire tutte le varietà bianche e non salutari con pane, pasta e riso integrali. Inoltre, è consigliabile utilizzare sempre farina grezza, anche per le torte. Anche se la frutta ha un sapore gradevole e dolce, cerca di mangiare più verdura che frutta. Potresti anche provare ad assumere un integratore fatto di "grassi buoni".

In menopausa, infatti, si ha particolarmente bisogno degli acidi grassi omega-3 e -6, che sono acidi grassi essenziali per l'organismo.

Cerca di includere nella tua dieta anche molti frutti di bosco scuri, noci, pesce, cereali integrali, carote e verdure verdi. Questi sono tutti alimenti ricchi di antiossidanti, i quali aiutano a inibire i radicali liberi che accelerano il processo di invecchiamento dell'organismo.

Fai esercizio fisico e, in generale, cerca di attivarti di più ogni giorno. Magari vai al lavoro in bicicletta o porta a spasso il cane in passeggiate più lunghe. Prova anche a ridurre stimolanti come alcol e caffè. Ma perché tutte queste accortezze?

Gli uomini possono aumentare la propria produzione di testosterone facendo esercizio fisico. Assumendo meno stimolanti, che vanno a legare il testosterone alle cellule, si riesce a far arrivare una quantità maggiore di ormone nel flusso sanguigno, recuperando così più energia e grinta.